Persone

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero TOP5

Rumorosi, sfacciati, incivili e pure spilorci. Questa è l’ingloriosa immagine dei turisti italiani in terra straniera. Secondo voi quali sono i 5 peggiori comportamenti degli italiani all’estero? Ecco un elenco degli atteggiamenti più fastidiosi ed irritanti di cui i nostri connazionali si macchiano durante le vacanze all’estero.

5. Urla e schiamazzi

Universalmente considerato rumoroso e sguaiato, il turista italiano medio ha la pessima abitudine di urlare, sbraitare o comunque di parlare con un tono di voce molto più alto del necessario, e questo non è certo un pregio, a detta di ristoratori e albergatori stranieri.

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero Urla e schiamazzi TOP5
Gli italiani all’estero si fanno sempre riconoscere per il tono di voce alto.

4. Riluttanza nel lasciare mance

Forse sarà l’aria di crisi o il fatto che in Italia l’usanza di lasciare la mancia ai camerieri al ristorante non ha mai preso piede, ma pare che gli italiani siano in assoluto i più riluttanti nell’elargire mance.

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero Riluttanza nel lasciare mance TOP5
L’italiano medio all’estero non lascia la mancia ai camerieri al ristorante.

3. Maleducazione e inciviltà

Non rispettare le file, cercare puntualmente di evitare di pagare il biglietto dell’autobus o della metropolitana, buttare cartacce a terra, e, in generale, scarso senso civico sono tutti atteggiamenti che sono costati l’etichetta di maleducato al turista italiano medio.

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero Maleducazione e incivilt+á TOP5
Il turista italiano medio è considerato maleducato e incivile.

2. Scarsa disponibilità a parlare la lingua del posto

I turisti italiani dimostrano totale mancanza di disponibilità a parlare la lingua locale e persistono nel proporre la loro lingua come base del dialogo. Questo è considerato un atteggiamento estremamente irritante per i ristoratori e gli albergatori stranieri.

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero Scarsa disponibilit+á a parlare la lingua del posto TOP5
Gli italiani si dimostrano poco disponibili a comunicare nella lingua locale.

1. Bambini maleducati

I bambini italiani sono considerati i più maleducati d’Europa. Spesso lasciati liberi di fare baccano in luoghi pubblici da genitori negligenti, i bambini italiani si fanno puntualmente riconoscere per gli schiamazzi, i pianti, le sceneggiate ed i capricci, al punto che il loro comportamento è ritenuto quanto di più insopportabile nei ristoranti e nelle strutture ricettive all’estero.

I 5 peggiori comportamenti degli italiani all'estero Bambini maleducati TOP5
I bambini italiani sono considerati i più maleducati d’Europa.

In occasione della Giornata Mondiale della Felicità, Wired e Voices from the Blogs hanno presentato l’e-book iHappy 2013, con la lista delle province italiane ordinate in base all’indice di felicità dei propri abitanti.

Sono stati passati al setaccio oltre 40 milioni di messaggi pubblicati su Twitter nelle varie provincie italiane e successivamente suddivisi tra tweet felici e tweet tristi. Quali sono state le 5 città italiane più felici nel 2013?

5. Ogliastra – 72,5% di tweet positivi

Situata nella zona centro-orientale della Sardegna ed affacciata sul mar Tirreno, Ogliastra si aggiudica la quinta posizione nella classifica delle città italiane più felici, con un indice di felicità dei propri abitanti pari al 72,5%.

4. Parma – 72,9% di tweet positivi

Capoluogo dell’omonima provincia in Emilia Romagna, la graziosa città di Parma ha raggiunto un buon 72,9% di Tweet positivi dei propri cittadini e conquista il quarto posto.

3. Carbonia – 75% di tweet positivi

Terza città più felice d’Italia è risultata essere Carbonia, o perlomeno lo sono i suoi cittadini che usano Twitter. Insieme ad Iglesias, Carbonia è capoluogo della provincia di Carbonia-Iglesias, in Sardegna. In base ai cinguettii dei suoi abitanti, il tasso di felicità da queste parti è del 75%.

2. Cagliari – 75,1% di tweet positivi

Oltre tre quarti dei twitteri cagliaritani hanno dimostrato di essere felici, e Cagliari, con il suo mare cristallino ed il vasto patrimonio artistico e culturale, è la seconda città più felice d’Italia, con il 75,1% di messaggi positivi registrati su Twitter nel 2013.

1. Genova – 75,5% di tweet positivi

Medaglia d’oro per Genova, che si aggiudica il titolo di città italiana più felice del 2013, con nientemeno che il 75,5% di messaggi felici pubblicati dai sui abitanti su Twitter nel corso dell’anno.

Fonte: Wired.it

La rivista Forbes fa i conti in tasca ai DJ che fanno ballare migliaia di persone in tutto il mondo, ed anche quest’anno ha stilato la classifica Electronic Cash Kings. Siete curiosi di sapere quali sono i 5 DJ più pagati nel 2014? Presto detto!

5. Steve Aoki – guadagni 23 mln di dollari

Quinta posizione per Steve Aoki, figlio del celebre wrestler giapponese Rocky Aoki, con guadagni stimati in 23 milioni di dollari. Una somma di tutto rispetto e del tutto meritata, considerando la sua agenda fitta di eventi e serate negli ultimi 12 mesi.

4. Tiësto – guadagni 28 mln di dollari

L’apprezzatissimo DJ olandese Tiësto ha recentemente spostato il suo focus più su Las Vegas che su Ibiza, e con 100 show ha portato a casa la bellezza di 28 milioni di dollari in soli 12 mesi.

3. Avicii – guadagni 28 mln di dollari

Ad appena 24 anni, il giovane talento svedese Avicii quest’anno ha guadagnato ben 28 milioni di dollari e sta già lavorando al suo nuovo album, in cui troveremo una collaborazione con Chris Martin dei Coldplay.

2. David Guetta – guadagni 30 mln di dollari

David Guetta si divide tra Las Vegas ed Ibiza, ed ha recentemente collaborato con nientemeno che Lady Gaga, Britney Spears e Rihanna, ottenendo un guadagno di 30 milioni di dollari, una cifra da capogiro che tuttavia non gli garantisce il primo posto.

1. Calvin Harris – guadagni 66 mln di dollari

Il dj scozzese Calvin Harris è il primo in classifica e conferma la sua posizione di re della dance elettronica. In soli 12 mesi si è portato a casa la bellezza di 66 milioni di dollari con 125 serate, grazie anche a collaborazioni di successo con star del pop del calibro di Rihanna e Kesha.

Fonte: Forbes.com

Sono belle, sono carismatiche, hanno rubato il cuore a milioni di uomini: sono le donne più sexy del 2013. Volete scoprire chi sono? Ecco la TOP5!

5. Jennifer Lawrence

Salita alla ribalta con il film The Hunger Games, dove ha interpretato la coraggiosa Katniss Everdeen, Jennifer Lawrence oggi è una delle attrici di Hollywood più quotate. E una delle più affascinanti.  Vincitrice di un Oscar nel 2013, al quinto posto nella classifica delle 5 donne più sexy nello stesso anno: la donna del 2013 è sicuramente lei.

4. Mila Kunis

Attrice, doppiatrice, a Mila Kunis non mancano il talento e il sex appeal. Tra le donne più sexy del 2013 c’è anche lei, la strega Theodora de Il Grande e potente Oz, una delle sue più recenti fatiche cinematografiche.

3. Rihanna

La cantante di Umbrella e Diamonds è sempre sulla cresta dell’onda: fra hits, gossip sulla sua travagliata storia con il rapper Chris Brown e la campagna Mac Viva Glam 2014, Rihanna è super chiacchierata e impegnata. Ed è pure al terzo posto nella classifica delle donne più sexy del 2013.

2. Selena Gomez

Scuola Disney: Selena Gomez, la Alex Russo della serie tv I maghi di Waverly, adesso è grande, è ballerina ed è una cantante pop dal successo straordinario. Che altro? Ah sì: è la seconda donna più sexy del 2013!

1. Miley Cyrus

L’ex Disney Hannah Montana è cresciuta e ha cambiato look. Stile punk e ribelle: la nuova Miley è una cantante che fa parlare di sè… Soprattutto per le sue performance seducenti, come quella agli MTV Music Awards 2013, e il video hot di Wrecking Ball. Miley Cyrus la donna più sexy del 2013, e avevate dubbi?

Fonte: Maxim

Ogni volta che un anno finisce, arrivano classifiche del tipo: “Le più belle canzoni del 2013” o “I migliori attori del 2013” e così via. Oggi stiliamo una classifica alla TOP5 e, perché no, rifacciamoci gli occhi; la domanda è…
Quali sono stati i 5 uomini più sexy del 2013? Scopriamoli subito!

5. Bruno Mars

Cantante e produttore discografico originario delle Hawaii, Mr Mars ha fatto innamorare miliardi di ragazze con la sua romanticissima Grenade nel 2010 e le ha conquistate del tutto con The lazy song . Giovane -ha solo 28 anni ed è già un cantante affermatissimo in tutto il mondo-, un sorriso accattivante e una voce da paura: sì, è lui uno degli uomini più sexy del 2013.

4. Jimmy Fallon

Magari da noi è poco conosciuto, ma negli USA va alla grande. Attore, comico e conduttore televisivo, col suo Late Night ha tenuto incollati milioni di americani al televisore; forse non avrà gli addominali scolpiti o non sarà il belloccio di turno, ma il suo carisma paga. E bene: Jimmy Fallon è uno degli uomini più sexy del 2013, di poco lontano dal podio.

3. Luke Bryan

Cantante statunitense, dove l’abbiamo visto? Sicuramente su Youtube mentre cantava Don’t Drop That Thun Thun, una canzone e un video che è diventato virale grazie anche alle sue mosse 100% sexy! Che il suo terzo posto in classifica sia merito anche del sexy-sedere shakerato qua e là? Possibile, intanto è Bryan a guadagnarsi un bel bronzo.

2. Idris Elba

Dice niente? Beh in America Idris Elba è una specie di super rappresentante della mascolinità. Altissimo, ben piazzato, un sorriso smagliante e un viso aperto: sicuro che è uno degli uomini più amati e più sexy del 2013! Attore e DJ britannico, il suo fascino è indiscutibile e gli ha fruttato il secondo posto in classifica.

1. Adam Levine

Ok, è l’uomo più sexy del 2013. Cantante dal successo inconfutabile, il frontman dei Maroon 5 è stato incoronato uomo più sexy del 2013 e forse-forse c’entra anche una foto di Instagram postata dalla sua fidanzata, la modella Behati Prinsloo, in cui Adam era… In slip. Che dire? Il fisico c’è e la sexaggine pure. Congrats, Adam!

Fonte: People

Non saranno tra i primi cinque al mondo ma di certo anche i super ricchi di casa nostra non hanno di che lamentarsi con fortune difficili anche solo da immaginare. A differenza dei primi due uomini più ricchi del mondo che devono ringraziare la tecnologia per i loro conti in banca, gli italiani hanno costruito le loro fortune puntando su quello che tutto il mondo ci riconosce come eccellenza: cibo e moda.

Ma chi sono gli italiani più ricchi nel 2013?

5. Patrizio Bertelli – patrimonio 6,7 miliardi di dollari

Amministratore delegato del gruppo Prada e marito della stilista Miuccia Prada è stato fondamentale insieme alla moglie per far diventare il marchio Prada uno dei più prestigiosi al mondo.

i-cinque-italiani-piu-ricchi-nel-2013-Patrizio-Bertelli-TOP5
Patrizio Bertelli ha un patrimonio di 6,7 miliardi di dollari

4. Giorgio Armani – patrimonio 8,5 miliardi di dollari

Stilista e imprenditore Giorgio Armani è riuscito a far diventare il proprio nome sinonimo di moda ed eleganza; il suo impero della moda famoso nel mondo gli ha permesso di costruire un patrimonio personale di 8,5 miliardi di dollari.

i-cinque-italiani-piu-ricchi-nel-2013-Giorgio-Armani-TOP5
Giorgio Armani ha un patrimonio di 8,5 miliardi di dollari

3. Miuccia Prada – patrimonio 12,4 miliardi di dollari

Ha trasformato l’azienda di famiglia in una delle case di moda più blasonate al mondo.

i-cinque-italiani-piu-ricchi-nel-2013-Miuccia-Prada-TOP5
Miuccia Prada ha un patrimonio di 12,4 miliardi di dollari

2. Leonardo del Vecchio – patrimonio 15,3 miliardi di dollari

Ha costruito dal nulla Luxottica, la più grande azienda di occhiali di lusso e da sole al mondo.

i-cinque-italiani-piu-ricchi-nel-2013-Leonardo-del-Vecchio-TOP5
Leonardo del Vecchio ha un patrimonio di 15,3 miliardi di dollari

1. Michele Ferrero – patrimonio 20,4 miliardi di dollari

Il papà della Nutella è proprietario del gruppo di famiglia che detiene diversi marchi commerciali famosi dell’industria dolciaria.

i-cinque-italiani-piu-ricchi-nel-2013-Michele-Ferrero-TOP5
Michele Ferrero ha un patrimonio di 20,4 miliardi di dollari

FONTE: Forbes

In un periodo complicato come questo è importante non sottovalutare nessun aspetto quando si è in cerca di un nuovo lavoro; un buon punto di partenza è avere nel proprio curriculum vitae le 5 caratteristiche più richieste negli annunci di lavoro. La ricerca è basata sull’analisi degli annunci pubblicati su uno dei maggiori siti di ricerca personale inglese ma le caratteristiche sono valide anche in Italia.

5. Flessibile

La flessibilità si piazza al quinto posto degli aspetti più ricercati negli annunci di lavoro: con flessibilità si intende la capacità, e la volontà, di un candidato di portare a termine attività non completamente correlate al lavoro per il quale si sta proponendo.

4. Qualificato

Un pò a sorpresa il fatto che un candidato sia qualificato per un lavoro è solo al quarto posto delle caratteristiche più ricercate da chi pubblica annunci di lavoro; in verità solitamente l’uso di questo termine serve a dare al candidato la possibilità di descrivere le proprie capacità.

Spesso la qualifica è usata come punto di partenza per dare la possibilità al candidato di descrivere le proprie capacità
Spesso la qualifica è usata come punto di partenza per dare la possibilità al candidato di descrivere le proprie capacità

3. Motivato

Terzo gradino del podio delle caratteristiche più richieste negli annunci di lavoro è l’essere motivato; i datori di lavoro cercano le persone che hanno più voglia di arrivare, ambiziose e che sappiano prendere l’iniziativa.

Persone motivate e ambiziose: ecco la terza caratteristica più ricercata
Persone motivate e ambiziose: ecco la terza caratteristica più ricercata

2. Capacità comunicative

A prescindere dalla tipologia di lavoro è importante che un candidato sia in grado di rapportarsi con le persone con cui lavora: sia che si tratti di dare una presentazione che più semplicemente di socializzare con i colleghi.

1. Organizzato

La caratteristica più ricercata in un candidato è l’essere organizzato: ossia essere in grado di gestire una grande mole di lavoro prioritizzando le attività più importanti.

Requisito numero uno per trovare lavoro: essere organizzato
Requisito numero uno per trovare lavoro: essere organizzato

FONTE: theguardian.com

Quando si pensa ad un genio probabilmente le prime persone che vengono in mente sono Einstein, Leonardo da Vinci, o qualche giocatore di scacchi; se è vero che esistono tanti tipi diversi di intelligenza che difficilmente possono essere misurati e classificati, è anche vero che sono stati definiti dei test per valutare il quoziente intellettivo (QI) di una persona.

Sebbene il valore di tali test non sia assoluto sono comunque un buon indicatore delle capacità di una persona. E quindi chi sono le cinque persone più intelligenti del mondo? La lista considera solo persone vive al momento, anche se la posizione di Einstein avrebbe potuto sorprendere; con un “misero” QI di 160 non si piazzerebbe nemmeno nei primi 10 (a dimostrazione del fatto che un test non potrà mai valutare la grandezza dell’immaginazione degli uomini).

5. Rick Rosner – QI 192

Con un QI di 192 Rick Rosner è sicuramente uno dei geni più atipici; nella sua carriera troviamo esperienze come buttafuori, cameriere sui pattini a rotelle e spogliarellista.

4. Dr. Evangelos Katsioulis – QI 198

Un cv più classico per il dottor Evangelos Katsioulis, psichiatra greco con tre lauree ed un QI pari a 198.

3. Kim Ung Yong – QI 210

Un prodigio fin dalla culla: sapeva parlare all’età di 6 mesi, a 3 anni sapeva già leggere diverse lingue tra cui coreano (la sua lingua madre), giapponese, inglese e tedesco. All’età di 8 anni viene invitato dalla Nasa a studiare da loro e dopo pochi anni lavora per loro.

2. Christopher Hirata – QI 225

Vince le Olimpiadi della Fisica a 13 anni, a 22 anni ottiene il dottorato di ricerca a Princeton. Tra i suoi lavori il progetto della NASA su come colonizzare Marte.

1. Terrence Tao – QI 230

Anche Terrence Tao vince le Olimpiadi della Fisica a 13 anni e ottiene il dottorato di ricerca a Princeton come Christopher Hirata (ma a 20 anni). A 24 anni è già professore all’Università della California.

AROUND THE WORLD

Le 5 citta piu antiche di Italia TOP5

Classificare le città italiane in base alla data di fondazione ufficiale ed i ritrovamenti archeologici non è un’impresa così semplice come potrebbe apparentemente sembrare,...

ARTICOLI RECENTI