Che cos'è il solstizio d'estate - Juhannus - TOP5

Il solstizio d’estate nel mondo: feste e tradizioni, oggi

Sappiamo bene che in Italia il solstizio d’estate, il fenomeno astronomico che segna l’inizio della stagione calda, è rappresentato oggi dalla festa di San Giovanni. Ma nel resto del mondo? Anche se sono passati secoli dagli antichi festeggiamenti del solstizio d’estate, e oggi hanno cambiato modo e forma, il resto del mondo celebra ancora adesso l’arrivo dell’estate. E in grande stile, come la Finlandia.
Se da noi la festa per eccellenza del solstizio estivo è conosciuta col nome di festa di San Giovanni, in Finlandia si chiama Juhannus. La Juhannus si celebra il 23 Giugno, quindi un giorno prima di noi; in occasione della festa di mezza estate i finlandesi viaggiano verso i laghi del Paese per raggiungere i mökki, i loro cottage estivi. L’attività principale consiste nell’issare e organizzare i falò di mezzanotte in spiaggia o sulle coste; intorno ai falò si riuniscono tutti quelli che vogliono dare il benvenuto all’estate e puoi immaginare come a coltivare questa simpatica tradizione siano soprattutto i giovani, che non vedono l’ora di approfittare dei falò per svagarsi e fare baldoria!
Questo però non è l’unico modo di festeggiare il solstizio d’estate in Finlandia. Sulle isole Åland, provincia Finlandese di lingua svedese, gli abitanti osservano il rituale originario della Svezia e così il primo giorno d’estate viene celebrato, tra i tanti, anche con una bella danza intorno a un albero della cuccagna!
Ma continuiamo a guardare verso il Nord Europa. Mica la Finlandia e basta celebra il solstizio d’estate: anche in Svezia si danno da fare per renderlo un giorno memorabile. Il solstizio d’estate è il Midsommar e per gli svedesi è importantissimo; un evento magico quasi quanto il Natale, e forse addirittura di più. Uno dei modi più gettonati di dare il benvenuto alla stagione calda è raffigurato dai pranzi all’aperto. I pranzi in giardino, al parco, in un prato, nei cottage o in spiaggia con una coroncina di fiori (di ben 7 fiori diversi, come da tradizione) sospesa sulla testa, sono l’occasione giusta per godere della natura e allo stesso tempo beneficiare di un bel po’ di sole. Perché in Svezia la luce rappresenta una vera e propria gioia: insomma, se anche noi vivessimo un inverno gelido, che sembra infinito –l’autunno praticamente non esiste- e con pochissima luce, festeggeremmo l’arrivo dell’estate con salti alti 3 metri!
E allora per gli svedesi il Midsommar è un nuovo inizio, il sorgere di una stagione di sole che preannuncia, finalmente, tante belle giornate. Come iniziarle al meglio, se non con ore e ore fuori casa, a diretto contatto con la natura, mangiando, chiacchierando e ballando intorno all’albero di primavera, cioè l’albero della cuccagna? Il solstizio d’estate in Svezia è all’insegna della spensieratezza.
Oltre al Nord Europa? Il viaggio del solstizio d’estate prosegue e quando arriva negli USA, succede che Times Square lo accoglie in modo assolutamente originale. Nel 2013 i festeggiamenti del primo giorno d’estate hanno avuto come ingrediente speciale… Lo yoga. Sì: per celebrare il giorno di massima luce di tutto l’anno, New York ha sorpreso i suoi abitanti con una sessione di yoga, a Times Square. Il 21 Giugno da mattina a sera i newyorkesi registratisi online ad una piattaforma apposita, si sono incontrati sulla piazza più famosa della città per salutare il sole a tempo di ommm. Tra esercizi, programma e istruttori, i partecipanti alla più grande sessione di yoga al mondo hanno di sicuro passato una giornata fuori dal comune! Il tutto gratis, il che non guasta.
Adesso però torniamo in Italia per una curiosità mangereccia a tutta golosità. A volte il solstizio d’estate arriva prima, a volte arriva addirittura il 9 Giugno. In tavola. A Roma il 9 Giugno questo 2014 porta a Villa Miani un solstizio d’estate che illumina i palati, con percorsi del gusto per un evento enogastronomico che durerà dalle 12.30 alle 22.00; una festa del cibo per tutti gli operatori della ristorazione romani così come gli appassionati del food. L’evento, chiamato appunto solstizio d’estate, è alla sua seconda edizione, per una giornata di profumi e sapori variegatissimi, dalla A alla Z.
Insomma, quando parliamo di primo giorno d’estate una cosa è certa: paese che vai, festa del solstizio d’estate che trovi!

Solstizio d’estate: che c’entra la Massoneria?

A tutta prima può sembrare strano, ma è così: il solstizio d’estate ha a che fare anche con la Massoneria. O meglio, per i Massoni il solstizio rappresenta un simbolo importantissimo. Bene o male tutti abbiamo presente cosa sia la Massoneria: un movimento di base iniziatica di cui abbiamo le prime tracce storiche intorno ai primi anni del 1700, in Italia. La Massoneria si divide in logge, cioè gruppi organizzati gerarchicamente in cui ogni iniziato segue una comune linea di azione, e ha come simboli l’acacia e la squadra e il compasso, incrociati in modo da formare un quadrilatero.
Il periodo storico più buio per la Massoneria italiana è stato sicuramente nel XX secolo, quando l’Internazionale Comunista dichiarava incompatibili massoneria e adesione al partito comunista, mentre il Gran Consiglio del Fascismo proclamò quasi la stessa cosa, anche per quanto riguardava la militanza tra le fila fasciste e l’essere affiliato Massone. In realtà, poi, il connubio fascismo-Massoneria fu un tale mix di ambiguità e studio reciproco che merita ancora adesso uno sguardo e un’analisi molto approfonditi!
Quindi lasciamo da parte un attimo la Storia e torniamo al solstizio d’estate. Il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno, per la sua forte valenza simbolica è diventato simbolo, nel calendario Massone, di rinascita spirituale. Ecco perché, per la Massoneria, si trasforma in uno degli eventi fondamentali dell’associazione. Da occasione di rinascita spirituale a simbolo di sconfitta del Male da parte del Bene e del classico trionfo della Luce sulle Tenebre, il passo è breve e i Massoni lo compiono in men che non si dica.
E allora nell’agape, cioè nel banchetto (in origine eucaristico) Massone all’insegna della fratellanza e dell’amore, le feste dei due solstizi sono il momento perfetto per pronunciare un rituale in cui il solstizio d’inverno rappresenta la porta che apre il passaggio verso la caverna cosmica, trasportando l’Uomo dal buio alla Luce, mentre il solstizio d’estate è l’uscita dalla caverna.
Per i Massoni il Sole è calore, vita e non solo: è come una forza divina che vede e sa tutto, il simbolo dello spirito visibile e quindi il solstizio d’estate rappresenta il risveglio di questo spirito verso una nuova vita e una nuova battaglia del Bene contro il Male. Per questo il solstizio d’estate è, per i Figli della Vera Luce, così rilevante: la luce dell’Astro illumina la verità e caccia via le tenebre sollevate dall’ignoranza. (continua sotto…)

ARTICOLI SIMILI

Commenti

Loading Facebook Comments ...